L'arte come terapia di Ricro

Posted by on

Ricro è uno dei tanti straordinari talenti che compongono la grande famiglia di Dolly Noire. E' un'artista, anche se non gli riesce facile autodefinirsi tale, ha iniziato a disegnare quando era bambino e da allora non hai mai smesso. 

E' un autodidatta, nel senso che non ha mai avuto una formazione accademica, ma la sua passione e il suo talento per il disegno si sono sviluppati negli anni anche grazie al suo modo di osservare le cose, di sperimentare nuove tecniche e al suo interesse per i fumetti e i film dai quali trae ispirazione. Da adolescente, come tanti suoi coetanei, si è avvicinato all'arte dei graffiti, disciplina che coltiva da allora insieme ai suoi amici della crew L'ME. Ricro collabora con noi da quasi tre anni, disegnando alcune delle grafiche che hanno contribuito a rendere forte il nostro brand e per la nuova collezione Spazio Tempo ha creato l'artwork Motus Temporis.

 

Come definiresti la tua arte?

“Non lo so, non l’ho mai definita arte, mi sembra troppo presuntuoso. Per me è una terapia”.

 

Quale tecnica usi per i tuoi artwork?

“Sono molto legato alla carta, o comunque al disegno “analogico”. Preferisco avere qualcosa di concreto su cui disegnare. Di solito inizio su foglio per poi scansionare e trasferire tutto su computer. L’ambiente professionale mi ha portato a digitalizzare i miei disegni per una questione di rapidità.

Da diversi anni, infatti, lavoro molto con la tavoletta grafica e non mi dispiace, perchè la quantità di cose che ti permette di fare è infinita, ma ciò che rimane è comunque solo un mucchio di megabyte e basta. Cerco quindi di non sviluppare i miei progetti interamente in digitale, ma di mixare le cose. Non avendo una formazione accademica ogni cosa per me è una continua scoperta, ho ancora troppe cose da imparare ad usare..”

Come e quando hai conosciuto Dolly Noire?

“Ho conosciuto i ragazzi di Dolly Noire nel 2015, il mio amico Sosta stava organizzando una jam a San Donato, la “Toxic of paint”, ed entrò in contatto con loro.Iniziarono alcune collaborazioni per la Fall / Winter 2016 che ci portarono a lavorare insieme sempre più frequentemente. Stringemmo un ottimo rapporto dal principio e le cose vanno avanti da allora”.

Com'è nata la grafica Motus Temporis?

“Ci siamo ispirati ad un layout che ci piaceva, volevamo un artwork che fosse un po’ mistico in tema Spazio Tempo, perciò ho preso come spunto il calendario astronomico di Praga, provando a scomporlo e ricomporlo sulla nostra grafica. All’interno della grafica sono presenti diversi numeri e simboli che si riferiscono alle fasi lunari, alle fasi del sole e della terra”.

 

Cosa significa per te Stay Brave?

“Avere il coraggio di osare, ma rimanendo coi piedi per terra”.

http://laltrome.com/

 

 

Art Artwork Dolly Noire Motus Temporis Ricro Spazio Tempo

← Older Post Newer Post →



Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published