Alessandro Malandra e la costruzione di un'azienda mattoncino dopo mattoncino

Posted by on

Pensate a un ingegnere che progetta una casa, lui sa come dovrà essere una volta finita, sa come e dove andranno messi tutti i mattoni, uno dopo l’altro e immaginate la soddisfazione e la gioia che proverà il giorno in cui quella casa sarà finalmente finita. L’ingegnere in questione è Alessandro Malandra, di professione Amministratore Delegato, la casa che ha progettato è Dolly Noire, per la quale lavora da più di cinque anni insieme ai suoi amici, mettendo un mattone alla volta, dalle fondamenta al tetto. Il suo ruolo è quello di trasformare la sua casa in un grattacielo.

E’ sabato pomeriggio, fuori nevica, come il giorno prima quando Alessandro tornava da un viaggio di lavoro a Firenze, non esiste riposo, weekend o giorni festivi quando la tua professione è anche la tua più grande passione. Il ruolo di Alessandro consiste nel rappresentare Dolly Noire, nel fare previsioni sulla crescita dell’Azienda, nel trovare i fondi per finanziarla e nella supervisione strategica dei diversi rami aziendali.

Viaggi spesso per lavoro?

“Tendenzialmente mi muovo più su Milano, in quanto Amministratore Delegato, spesso vado a rappresentare l’Azienda davanti a investitori, banche e partner che possono essere sia produttivi, che di altri rami aziendali”.

Com’è la tua giornata lavorativa?

“Dipende dai giorni e dai periodi, ma ci sono alcune attività di routine, per esempio il lunedì ho la riunione con il consiglio di amministrazione (CdA). Il mio compito è quello di definire l’ordine del giorno”.

Quale sarà uno degli argomenti di lunedì prossimo?

“Probabilmente parleremo dell’andamento della campagna vendite della collezione invernale e di un recente incontro che abbiamo avuto con alcuni investitori, al quale ne seguiranno altri per strutturare una crescita dell’azienda nel medio e lungo periodo, quindi parleremo di come farla crescere al meglio”.

Com’è cambiato il tuo lavoro dalla fondazione di Dolly Noire ad oggi?

“Sicuramente rispetto a prima, oggi delego molte più cose, quando abbiamo iniziato il solaio di casa mia era il magazzino, di conseguenza ero anche il magazziniere". dice sorridendo. "Poi, piano piano, siamo cresciuti e oggi siamo alla ricerca di persone che possano affiancarci, per esempio ora collaboro con Marcello, un ingegnere gestionale che mi aiuta nella parte di pianificazione dell’azienda. Ogni sei mesi redigo, con il supporto dei miei soci, un piano industriale dove delineo la crescita e gli obiettivi dell’azienda. Una volta definito, il mio ruolo consiste nel controllare che tutto stia andando secondo le nostre previsioni e aspettative”.

Com’è cambiata la visione da parte degli investitori nei confronti di un brand di streetwear?

“Ci guardano sicuramente con interesse perché si è verificata una crescita che stimola il loro interesse. Sul lato umano, ci vedono come giovani imprenditori, talentuosi e volenterosi, per questo ci spronano anche a vedere ancora più in grande rispetto a quello che facciamo”.

Quando hai iniziato ti saresti aspettato una crescita così veloce?

“Non me l’aspettavo. I primi tempi sono molto delicati, devi stare attento ad ogni euro che spendi, poi piano piano, grazie anche al mio contributo nel definire i passi da seguire per crescere, le cose si sono delineate, ed oggi eccoci qui, 5 anni tutti d'un fiato”.

Come vedi la concorrenza? Senti di aver superato alcuni vostri competitors?

“Nel tempo i competitors cambiano e questo dipende dallo stato della crescita in cui sei. Corso di Porta Ticinese, dove abbiamo il nostro negozio, è la via più importante dello streetwear italiano. Vicino a noi ci sono i importanti marchi e lo ritengo un elemento positivo, perché dagli altri si impara molto e riescono a spronarti a fare ancora meglio. E' come nello sport, stimi e rispetti gli avversari ma giochi per arrivare primo”.

Quale è stato il momento più difficile?

“Il momento più difficile è quello in cui decidi di provarci. Avevo appena finito l’università, mi ero laureato in Economia alla Bocconi e davanti a me avevo svariate opportunità di sbocchi lavorativi e ne ho scelto uno abbastanza atipico per i miei studi. Io non volevo iniziare una carriera in un’azienda, volevo avere la mia e il fatto di aver avuto di fianco a me tre amici che ci hanno provato con me, mi ha convinto a farlo”.

A casa ti hanno supportato o preferivano che trovassi un lavoro in banca?

“Mia nonna chiaramente optava per la banca, è stata la persona più difficile da convincere, i miei genitori, invece, mi hanno supportato fin dall’inizio, mi hanno detto sei giovane, provaci, mal che vada sarà un’esperienza che potrai rivendere. Infatti, anche quando vado nelle scuole con Daniele a raccontare la nostra esperienza, dico sempre ai ragazzi di provarci dall’inizio, perché anche se non dovesse andare bene, resterà loro un bagaglio di conoscenze che qualsiasi altra azienda va poi a ricercare. Io stesso, quando faccio i colloqui, chiedo spesso ai candidati, oltre al titolo di studio, se hanno fatto qualcosa di diverso o anomalo, che sia uno sport o una passione perché mi fa capire quanto quella persona crede nei propri sogni e per noi è importante perché è la nostra filosofia”.

Cosa significa per te Stay Brave?

“Vuol dire crederci, essere consapevoli che possano esserci momenti di sconforto, ma svegliarsi il giorno dopo con la voglia di rimettersi in gioco e andare avanti. Ora, quando mi guardo indietro, penso in cinque anni ho fatto tutto questo e so che non è stato casuale, ma solo il frutto di un continuo lavoro, giorno dopo giorno, mattoncino dopo mattoncino”.

brand Dlynr Dolly Noire streetwear

← Older Post Newer Post →



Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published

Mag

RSS
Tags
2018 333 mob 3D Achille Lauro adidas Adrecalina Afrojack AHL akeem Albert Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba bologna Boss Doms brand Brasil Breakdance bunker studio Canadese Canoa Canoe Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charls Check Point Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo Crew cross Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr Dolly Dolly Noire Doppiaggio Dreca E-commerce eicma Ensi fabrizio smallone Federico Ferrero Federico Resega festival film FIS formula1 fotografia Francesco Muratori freestyle froz Ghali Giacomo Bertagnolli Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu Home Festival Human Safari Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi Jambo kanye west Kayak Kipchoge L'alba L'Altro Me Crew lettering Live Londra Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records madiba Mamma Fotogramma Mandela Markers Marnik Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie Michela Moioli Migos Milano Moko Mondiali Monociclo motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis movies Murales music Musica Mythos napoli Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment off-white OJ Olimpiadi Olipiadi Oro Outfit OVRTM Paralimpiadi Parkour Party Philipp Ploner Piumini Plant Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap Raptuz Red Bull Redslow Ricro Rio Rkomi Robot Rocky roma Rossella Esse rugby rush Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakerness sneakers Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport SS2019 Stay Brave store street Street Art streetwear surf Tattoo Tattoo art Tdk crew Torino Totti Trap Travel under 20 Vademecum Video Videomaker Videomaking Vipers viral virgil abloh Wany Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy YouTube youtuber Zanardi