Dolly Noire ospite al concerto di Nitro

Posted by on



Da ormai più di dieci anni Machete ha cambiato il modo di fare rap creando un suono innovativo e assolutamente riconoscibile. A ogni live, quando c’è uno degli esponenti dell’etichetta sul palco, sappiamo che lo show sarà di altissimo livello da ogni punto di vista. Non importa la dimensione del palco, quante persone ci siano sotto o l’occasione, lo spettacolo che offrono è sempre di forte impatto e a fare da padrona sono la musica, il rap e l’atmosfera di amicizia e collettività che si respira. Ed è successo ancora una volta ieri sera al Live Music Club di Trezzo sull’Adda. Protagonista Nitro che ha portato live, davanti a un locale completamente sold out, il suo ultimo lavoro “No Comment”.

Ad aprire la scena e scaldare palco e pubblico sono stati Axos, che si è presentato scalzo e a torso nudo e che ha infiammato la situazione cantando i suoi ultimi pezzi, per poi lasciare il posto a un altro esponente di Machete, Dani Faiv, che ha fatto ballare, saltare e cantare a squarciagola tutti i presenti con le sue ultime hit. La situazione era caldissima quando sulle note di ‘Gameboy Color’ con la folla che urlava “fanculo la finanza”, il palco si è improvvisamente svuotato e ha visto l’ingresso di Nitro accompagnato da Dj Ms.

Il rapper vicentino è un numero uno, una Ferrari quando si tratta di live e rime e ha saputo tenere alta la situazione, canzone dopo canzone, tra pezzi vecchi e nuovi, per quasi due ore. Nitro è giovane, ha soli 24 anni, eppure si è già da tempo conquistato il post di big nella scena rap italiana, sa affrontare il palco come un animale da palcoscenico, senza troppi fronzoli, solo un Mc, un dj e il pubblico. Ecco, i veri protagonisti del concerto di ieri sera sono stati questi tre elementi che hanno riportato il rap alle origini. La situazione ha raggiunto livelli ancora più elevati quando di fianco a Nitro hanno fatto capolino Axos e Lazza, per poi concludersi in vero stile Machete: tutti sul palco che rappano insieme. E’ questo lo spirito che da sempre contraddistingue l’etichetta che fa capo a Slait e Hell Raton, il saper condividere il palco portando uno show di alto livello alla Wu Tang Clan.

Concetto espresso benissimo anche dalle parole di Lazza, che ieri in un’Instagram story ha voluto raccontare l’emozione provata la sera prima: “siamo artisti e la gente da fuori pensa che siamo per la maggior parte degli spocchiosi, arroganti, che guardano solo nel loro piatto e non sono in grado di ringraziare. Vi garantisco che a volte è così davvero. Io voglio mettere da parte un attimo Lazza e lasciare spazio a Jacopo per dire questo. In questi ultimi due giorni ho avuto il piacere di suonare sul palco di mio fratello Nicola, che ha fatto un casino ovunque è andato. Frate se stai leggendo, sappi che te lo meriti, proprio per la persona che sei, perché ti emozioni ancora come un ragazzino al primo live, nonostante tutta la strada che hai fatto. Inutile dire che sei fortissimo e che da te c’è solo da imparare, io compreso. Chapeau e grazie dei bei momenti, diciamo che in parte l’ho vista da collega, in parte da fan. Ti voglio bene”.

L’emozione che ieri Nitro ci ha trasmesso con la sua forza e la sua musica è stata indescrivibile e ha toccato livelli altissimi quando, a luci spente, con il locale illuminato solo da accendini e smartphone, ha cantato “Pleasentville”. Siamo tornati a casa stanchi, con un po’ di voce in meno rispetto a quando siamo partiti, ma sicuramente carichi di un’esperienza in più che difficilmente dimenticheremo.

[Ringraziamo Riccardo Trudi Diotallevi per le foto]

Axos Dani Faiv Dolly Noire Live Machete Nitro No Comment

← Older Post Newer Post →



Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published

Mag

RSS
Tags
2018 333 mob Achille Lauro Adrecalina Afrojack AHL Albert Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Away Axos Banana Moon Bandits Crew Beba Boss Doms brand Breakdance Canadese Canoa Carl Brave x Franco 126 Check Point Clipper Club Dogo Come costruire un profilo Crew cross Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr Dolly Noire Dreca E-commerce Ensi fabrizio smallone Federico Ferrero festival fotografia Francesco Muratori freestyle Giacomo Bertagnolli Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Hashtag Hell Raton Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu Home Festival Human Safari Ibrahimovic inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Kayak Kipchoge L'alba L'Altro Me Crew lettering Live Londra Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records madiba Mamma Fotogramma Mandela Markers Marnik Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie Michela Moioli Milano Mondiali Monociclo moto moto 3 moto gp Motociclismo Motocross Motus Temporis Murales music Musica Mythos Nazionale nerone new collectio Nicola Liviero Nitro No Comment Olimpiadi Olipiadi Oro Paralimpiadi Parkour Party Philipp Ploner Plant Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Deejay rap Raptuz Red Bull Redslow Ricro Rkomi Robot Rossella Esse rugby Sailors Tattoo Salmo Sci scozia Shade Shark Tank Shorty Ski Slait smake sneakers Snow Snowboard Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross sport SS2019 Stay Brave store street Street Art streetwear surf Tattoo Tattoo art Tdk crew Torino Totti Travel under 20 Vademecum Video Videomaker Videomaking Vipers Wany Windsurf World Champion world championship World Rookie Tour writer writing wrtiter YouTube youtuber Zanardi