Home Festival - Una festa che guarda al mondo

Postato da il

Fino a poco tempo fa, l'Italia e i festival musicali non andavano molto d'accordo. Mentre nel mondo nomi come "Coachella", "Primavera Sound" o "Glastombury" si imponevano, ingrandendosi fino ad attirare artisti ed appassionati dai quattro angoli del pianeta, dalle nostre parti questo settore sembrava sonnecchiare. Il risveglio, timido, è iniziato qualche anno fa, grazie a realtà inizialmente piccole e, curiosamente, spesso collocate fuori dai grandi centri, lontano dalle principali città dello stivale. Tra queste realtà, qualcuna è riuscita a sopravvivere, a crescere, e pian piano a guadagnare importanza, visibilità, credibilità. Il veneto "Home Festival" in questo settore rappresenta senza dubbio un fiore all'occhiello. Quella dell'Home è una realtà che in veneto è diventata pian piano un'istituzione, e si è poi allargata al resto dello stivale (quest'anno sono stati anche presenti alla Design Week a Milano con un palco per lanciare l'evento).

Giunta alla nona edizione, la manifestazione ha dovuto vedersela lo scorso weekend con una pioggia battente che ha fatto da protagonista per buona parte dei tre giorni in quel di Treviso, e ha costretto gli spettatori a muoversi tra un palco e l'altro correndo nei loro ponchi, sotto i loro ombrelli o coprendosi con impermeabili improvvisati. Eppure, nonostante il meteo inclemente, il conto delle presenze alla fine della fiera fa segnare la cifra di ottantamila spettatori, i quali hanno potuto godersi concerti andati in scena su tre grandi palchi all'aperto, tra cui il main stage,e altri due più piccoli al coperto. Il tutto è studiato in modo che i tre palchi non si sovrappongano a livello sonoro, e si possano così tenere diversi concerti in contemporanea. Detto questo, l'organizzazione è stata ben attenta ad evitare la concomitanza tra i concerti dei nomi più importanti. Un'idea un po' più precisa di come sia andata questa edizione ce la siamo potuta fare grazie a Clipper, che ci ha ospitato nel suo stand nella giornata di sabato.

Per noi a Treviso è andata la nostra graphic designer Giada, che non era al suo primo Home Festival. "L'ultima volta che ci sono stata, questa era una manifestazione giovane, non aveva tutti i nomi di quest'anno" ci racconta al ritorno. "Negli ultimi anni hanno iniziato ad inserire anche la scena hip hop e rap, cosa che prima non c'era."

Tra l'altro proprio il sabato è stata una giornata quasi interamente dedicata all'hip hop, con la pregevole eccezione rappresentata da Afrojack. "Lui ha fatto un live pazzesco. Aveva un palco allestito apposta per lui. C'era questa piattaforma dove il Dj suonava e poteva anche salire in piedi. Una specie di via di mezzo tra palco e piattaforma per la consolle. Li sopra, in piedi, stava il suo vocalist. Questo permetteva di vederli perfettamente anche se si era in fondo. Dietro la consolle poi hanno fatto un lavoro di luci spettacolare, una bomba indescrivibile. C'era questa "A" gigante che si illuminava. Un bellissimo lavoro da un punto di vista visivo. Infatti, anche se all'inizio pensavamo di andarcene via, alla fine siamo rimasti a goderci la cosa."

Come dicevamo però, il sabato è stato l'hip hop a farla da padrone. "Quando siamo arrivati stava finendo la Dark Polo Gang. Appena hanno finito ci siamo uniti al fiume di gente che si spostava verso il palco successivo per tentare di accaparrarsi i posti migliori. Siamo finiti in uno dei due stage al coperto per sentire Rkomi, che è stato un grande. E da li, in quella che sembra quasi una rincorsa ai vari eventi che però crea una bella situazione, ci siamo spostati sotto il palco di Carl Brave x Franco 126. C'era un sacco di gente, non me ne aspettavo così tanta. Era proprio pieno pieno, non si riusciva neanche a passare!". Qui si potrebbe aprire una parentesi sul duo romano e sulla sua incredibile capacità di richiamare pubblico dal vivo, che arriva da ben prima che "Fotografia" di Carl Brave diventasse uno dei tormentoni dell'estate che ci stiamo lasciando alle spalle. Probabilmente frutto di una nicchia di fan veri, disposti a farsi più di qualche chilometro per assistere ai loro live, e di uno stile che mischia abilmente rap e indie, allargando l'ascolto potenziale anche grazie ad un  indiscutibile talento narrativo.

Ma sabato all'Home Festival è stato anche il giorno di Nitro. "Una bomba. Siamo arrivati al palco prestissimo perchè iniziava a diluviare. Allora ci siamo infilati dentro e, beh, lui live è fortissimo. Inoltre, figurati, da veneto giocava in casa. Poi ha un modo di fare allucinante. Quando canta spacca tutto, ma quando finisce è super carino, ringrazia tutti, è molto diretto. A mio parere è stato il live più riuscito della serata. Lui è proprio un animale da palcoscenico. Per quanto un artista come Afrojack possa intrattenere e fare uno spettacolo pirotecnico e allucinante, Nitro riesce a catturare l'attenzione di tutte le persone che ha davanti anche solo cantando, senza trucchi.La sua voce è pazzesca e la gente era super gasata. Non mi aspettavo così tanto coinvolgimento".

Tanti nomi importanti quindi, che nella serata di sabato hanno portato a Treviso uno spaccato di quella che è oggi la scena rap italiana. E lo hanno portato in un contesto, quello del festival, che nel nostro paese finalmente sta tornado a imporsi non solo nei numeri, ma nell'offerta di un intrattenimento di qualità. L'anno prossimo l'Home Festival compie dieci anni. Noi gli auguriamo di poter diventare un alfiere sempre più credibile di questo tipo di manifestazioni, un modello da cui apprendere e, dove possibile, da replicare. A patto di mantenere alta la proposta e la qualità dell'organizzazione. C'è sempre bisogno di musica. C'è sempre bisogno di live. C'è sempre bisogno di Festival. 

@mark kola - foto Nitro @home festival - foto Afrojack e foto Design Week

Afrojack Carl Brave x Franco 126 festival Hip Hop Home Festival Music Musica Nitro rap Rkomi

← Post meno recenti Post più recenti →



Lascia un commento

Nota: i commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati

Mag

RSS
Tags
2018 2019 333 mob 3D Achille Lauro acqua adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bexey bikila BMX boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash Cyberpunkers da move crew damiano mari damned Dani Faiv Danti davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr doll Dolly Dolly Noire Dolly Noire Dolly Noire Run dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Elysium Emis Killa Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion federica abbate Federico Ferrero Federico Resega festival fiera Filippo Bano film FIS football formula1 fotografia fra design Francesco Muratori francia freestyle froz Future Gamindo gaming Ghali Giacomo Bertagnolli Gianluca Cavaiola Gianni Bismark Giappone glitched years Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi ivan bilibin Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit King of Concrete Kipchoge kite kitesurf L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records machete mixtape 4 madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela marco aletti marco primavera Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Max Brigante Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo mosca motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nati Diversi Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio New York NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi One Fingerz onemic Oro Outfit OVRTM Palmitessa Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist plug-mi Podcast pop Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Re del Cemento Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi roberto graziano moro Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush russia Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty siberia Siziano skate Skate Park Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone thegiornalisti TikTok Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Willie Peyote Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy young miles YouTube youtuber Zanardi
Liquid error: Could not find asset snippets/booster-message.liquid