Il gusto di un continente, 5 piatti per conoscere l'Africa

Postato da il

Un continente sconfinato con un'enorme varietà di sapori ed una cultura culinaria che va oltre al cibo come strumento per nutrirsi. Benvenuti in Africa.

Tra i cinque sensi che l'essere umano può utilizzare per conoscere il mondo, il gusto in noi italiani ha senza dubbio un posto di riguardo. Il che non è un male, perchè il rapporto con la cucina può raccontare molto di un popolo, di una cultura. Approcciare la tradizione culinaria africana è cosa complessa. L'Africa è un continente enorme, con climi, ambienti e popolazioni diverse. Se però dovessimo trovare un denominatore comune nel rapporto con il cibo, probabilmente lo potremmo cercare nella sua ritualità. Spesso in Africa il pasto assume una componente quasi rituale, e mangiare e bere in compagnia diventano un modo per celebrare la vita. Di seguito vi proponiamo cinque piatti tipici provenienti da diverse zone del continente, che sono però da considerarsi solo come un antipasto (nel vero senso della parola). L'invito è quello di scoprire il più possibile di questa cucina, ricca di tradizione, spezie e sapori spesso per noi inediti. 

ZIGHINì

Cominciamo con un piatto tipico della zona compresa tra Somalia, Eritrea ed Etiopia. Si tratta di uno spezzatino di carne (tendenzialmente di montone), verdure e legumi servito su una base di pane injera, un pane basso, fragrante e spugnoso. Quest'ultimo ingrediente, oltre a fare da piatto di portata, viene spezzato ed usato anche come cucchiaio, dato che lo Zighinì si consuma rigorosamente con le mani. Lo spezzatino di carne è cotto con pomodori e cipolle e speziato con una miscela di spezie detta berberè. Probabilmente il piatto africano più noto, lo potete trovare in molti ristoranti tipici anche dalle nostre parti. Non esattamente leggero, ma molto saporito.

COUS COUS

Bandiera della zona del Maghreb, ma diffuso in diverse parti del continente, il cous cous è un piatto a base di frumento macinato grossolanamente, bollito e servito con carne, pesce o verdure. Le pietanze con cui è accompagnato a volte si mischiano, e comunque spesso cambiano in ogni zona in cui viene cucinato, a seconda della disponibilità degli ingredienti e delle tradizioni locali. Sono molti ad essere convinti di avere in tasca la ricetta originale di questo piatto, ma la realtà è che, proprio per la sua caratteristica versatilità, probavilmente la suddetta ricetta perfetta neanche esiste. C'è chi abbonda di spezie, chi lo vira al piccante, chi ci aggiunge la menta. La base resta quella, il resto lo fa il gusto personale.

THIEBOUDIENNE

Può sembrare un piatto complicato e ricco di ingredienti, ma in realtà nasce dalla fantasia e dalla necessità di creare il meglio con le risorse che si hanno a disposizione. Questo piatto senegalese, tendenzialmente, unisce ad una base di riso al pomodoro e manioca qualche pezzo di pesce, qualche ortaggio e della zucca. Ovviamente, stante la base di riso e manioca, gli altri ingredienti possono variare a seconda delle necessità o delle disponibilità. Può quindi darsi di trovarci anche qualche pezzo di pollo, dei molluschi o dei legumi. Il sapore può variare, ma di certo si fa sentire. 

KELEWELE

Con il Kelewele si entra in zona snack. Servito nelle strade del Ghana solitamente in un cartoccio, ad un occhio meno esperto potrebbe apparire come delle patatine fritte. Ma patatine non sono (anche se sul fritto ci avete beccato). Si tratta invece di platano tagliato a fiammifero e condito con sale e un mix di spezie che può variare ma che di solito comprende zenzero, peperoncino e/o pepe. Il tutto, come accennavamo, fritto. Uno street food perfetto per un antipasto o un dopocena, che in Ghana viene spesso accompagnato con riso o arachidi. 

KOEKSISTERS

Ed eccoci al dolce, che come da tradizione è una bomba calorica. Le Koeksisters sono frittelle sudafricane dalla più o meno lunga forma intrecciata, fragranti esternamente e con un interno morbido. Nell'impasto si trovano uova, farina e burro, ed il loro sapore a dire la verità all'inizio è abbastanza neutrale. Solo che una volta fritte, queste treccione vengono cosparse di uno sciroppo composto da zucchero di canna e cannella che le dona tre caratteristiche: il sapore dolciastro, il colore ambrato e, se consumate calde, un certo senso di appiccicaticcio. È una pietanza spettacolare, ma se siete a dieta lasciatela perdere. La dieta.

africa cucina Dolly Noire ricette Stay Brave

← Post meno recenti Post più recenti →



Lascia un commento

Nota: i commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati

Mag

RSS
Tags
2018 2019 333 mob 3D Achille Lauro adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bikila BMX boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr doll Dolly Dolly Noire dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion federica abbate Federico Ferrero Federico Resega festival fiera film FIS formula1 fotografia Francesco Muratori francia freestyle froz Future Ghali Giacomo Bertagnolli Giappone Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit King of Concrete Kipchoge L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records machete mixtape 4 madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela marco primavera Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi onemic Oro Outfit OVRTM Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist pop Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Re del Cemento Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi roberto graziano moro Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty Siziano skate Skate Park Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone thegiornalisti Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy YouTube youtuber Zanardi