Guida al buon profilo Instagram

Posted by on

Cosa si deve assolutamente fare, e cosa evitare, per avere un profilo Instagram bello e funzionale. Ne abbiamo parlato con Daniele Crepaldi, Brand Manager Dolly Noire.

Ogni profilo Instagram, che sia tenuto bene o male, oggi è una sorta di biglietto da visita. Questo vale sia per i privati che per le aziende. Per questo è importante curarne la gestione, fare in modo che funzioni non solo da un punto di vista estetico, ma anche di visibilità o, per dirlo in altri termini, di capacità di generare traffico. Le bacchette magiche non esistono, ma ci sono delle piccole regole, delle buone norme, che se rispettate aiutano a creare un profilo ben fatto. Con Daniele Crepaldi, brand manager Dolly Noire, abbiamo tentato di capire quali siano queste norme e abbiamo provato a stendere una sorta di vademecum, di piccola "Guida ad una buona gestione di Instagram". Questa raccolta di consigli, che vi presenteremo per punti, vuole essere la prima di una lunga serie nella quale proveremo a darvi piccole dritte su argomenti diversi, confrontandoci con addetti ai lavori dei settori di volta in volta interessati. Ma torniamo ad Instagram, e partiamo dal principio.

Da dove cominciare 

Prima ancora di aprire una pagina Instagram, bisognerebbe capire un attimo come differenziarsi, cosa avere di originale. Chiedersi il perchè una persona dovrebbe seguirci. Questo è fondamentale perchè, come in tutte le cose, ci sono probabilmente già centinaia di migliaia di pagine che potrebbero essere molto simili alla tua, ed è difficile rubare il seguito a qualcuno che fa esattamente la tua stessa cosa. Faccio un esempio. Io, quasi per gioco, ho aperto questa estate una pagina che si chiama "Immagina Food" dove faccio vedere soltanto piatti vuoti, di cibo finito. Molto diversa da quelle innumerevoli pagine dove si trovano i piatti belli, pieni, da foodblogger canonico.Quindi questo è il primo consiglio: prima di partire, pensare "Ok, voglio fare qualcosa di diverso dagli altri". Poi bisogna puntare tanto sulla costanza, essere costanti nella pubblicazione. Instagram mette a disposizione l'utilizzo degli hashtag. Nella fase iniziale bisognerebbe utilizzarne tanti. Mi ricordo che agli inizi della nostra pagina, per far crescere la fanbase ne usavamo molti inerenti al nostro campo, al mondo street, dell'urban.

Errori da non commettere

Non rubare assolutamente contenuti altrui. Ad esempio, se sei un fotografo, non mettere fotografie non tue, anche se bellissime, pensando di accrescere così l'engagement o i like sulla tua pagina. Inoltre, va bene l'utilizzo di hashtag, ma bisogna essere anche originali nel copy. Non ha senso mettere una foto con i soli hashtag, che non comunica niente. Scrivi un racconto, lascia un messaggio nello spazio che Instagram mette a tua disposizione. Se fai la fotografia ad un paesaggio, descrivilo, non mettere solo #portrait o #sunset .

Come gestire le Stories 

La regola fondamentale è quella di stare ad un livello social, a contatto con gli utenti. Quindi, anche nelle stories, mettersi in prima persona o raccontare comunque storie di vita quotidiana. Altrimenti diventano degli spot televisivi che, per quanto possano emozionare, tendono a lasciare un po' indifferenti. Le stories invece, proprio perchè sono storie di vita dell'azienda o di quello che uno fa, è giusto usarle in maniera abbastanza personale. Sicuramente per aprire un profilo Instagram bisogna essere un po' estroversi, ed essere disposti a mettersi davanti alla telecamera o raccontare scene di vita quotidiana.

InstagramTV

Ha avuto un hype devastante, ma purtroppo soltanto per i primi due giorni. Secondo me perchè è molto limitante. Permette la visualizzazione di un contenuto in verticale che non è bello visivamente. Siamo abituati a vedere video musicali orizzontali, così come film e serie tv, quindi lo spazio ridotto di IGTV non facilita. In più sei anche su uno strumento non corretto. Se si vuole vedere un video si va ancora su youtube, che è molto potente. Gli stessi creatori di video sono molto più portati a mettere li i loro contenuti, le cose interessanti, in modo da poterle monetizzare. Instagram TV è potenzialmente interessante, ma attualmente non funziona. La mossa di Zuckerberg di voler mettere tutto su una piattaforma non sta funzionando. Forse avrebbe dovuto aprire un nuovo social competitor solo di video. 

Profilo aziendale o privato, le differenze

Sul privato siamo un po' a un limite, perchè quando si parla di social il privato non esiste. A meno che non si faccia la scelta di avere un profilo molto chiuso, da condividere solo con una stretta cerchia di amici, un profilo pubblico deve mantenere le stesse regole che mantiene un big o una grossa azienda. E comunque si è portati a farlo, perchè condividere una foto qualitativamente brutta non ha senso. Nel momento in cui si mette un contenuto su un social, non lo si fa per se stessi, ma anche per mostrarlo agli altri. Al di la di questo, un profilo personale deve essere molto social e diretto, mentre uno aziendale può permettersi di avere dei contenuti un pochino più pubblicitari e "corporate". In questo caso nelle stories si mostra si la vita reale, ma a livello di qualità delle immagini si sceglierà qualcosa di più professionale, come uno shooting in studio fatto in una determinata maniera. Comunque oggi Instagram diventa a tutti gli effetti un biglietto da visita. Ad esempio, noi a Dolly Noire riceviamo decine e decine di richieste di sponsorizzazione, e una delle prime cose che guardiamo è quanto una determinata persona sia in grado di utilizzare bene questi strumenti, che poi permetteranno a noi di avere una certa visibilità.

Hashtag magici

Non esistono. Quando costruisci una pagina, se non sei un artista che diventa virale di per se grazie alla sua fanbase, ma gestisci un brand aziendale che è aiutato da tutta una serie di pubblicità che girano, investire nello strumento è comunque importante. Hashtag magici non ci sono. Ti faccio l'esempio di un ragazzo che noi seguiamo, Federico Resega. Lui è diventato virale grazie ai suoi contenuti, alla pubblicazione di foto belle, in situazioni particolari. Ovviamente poi mettere Tag e Hashtag aiuta, ma se non c'è il contenuto gli Hashtag non servono a nulla. 

Come costruire un profilo Guida Hashtag Instagram Profilo Vademecum

← Older Post Newer Post →



Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published

Mag

RSS
Tags
2018 333 mob 3D Achille Lauro adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bikila boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr Dolly Dolly Noire dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion Federico Ferrero Federico Resega festival fiera film FIS formula1 fotografia Francesco Muratori francia freestyle froz Future Ghali Giacomo Bertagnolli Giappone Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit Kipchoge L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi onemic Oro Outfit OVRTM Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty skate Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy YouTube youtuber Zanardi

Net Orders Checkout

Item Price Qty Total
Subtotal €0.00
Shipping
Total

Shipping Address

Shipping Methods