L'unione, la forza e il coraggio di Art of Sool

Postato da il

Art of Sool è una crew fondata nel 2010 formata da 3 artisti di classe '88/89 Marco Cominini, Claudio Cretti e Nicola Fedriga tutti nati in Valle Camonica in provincia di Brescia.
L'opera originale Art of Sool è caratterizzata da disegni a "3 mani", nel senso che ogni artista della crew prende parte all'opera e si dirama in molti campi artistici e su supporti differenti illustrazione, pittura, graffiti, street art, writing, fumetto, disegno.
La storia di Mark, Nick e Clod è molto simile a quella di Dolly Noire, si tratta di tre amici che durante il periodo universitario hanno abitato insieme, d’accordo sul fatto che non avrebbero voluto lavorare per nessuno, hanno capito che unendo le rispettive forze potevano creare un nuovo stile originale e riuscire a evolvere artisticamente fino a vivere di quello che producono. Ognuno dei tre è diventato un ingranaggio dell’orologio che hanno deciso di chiamare ‘Art of Sool’.

In questi anni i tre artisti hanno collaborato con tantissimi brand e aziende, come Sony, Algida, Clipper, Dolce e Gabbana, Vans, Aw Lab, e Dolly Noire. Non hanno mai abbandonato, però, la loro passione per il writing, infatti continuano a presenziare a diverse graffiti jam e settimana prossima saranno per il quinto anno consecutivo all'Amazing Day di Mr. Wany

Come i tre moschettieri gli artisti di Art of Sool portano avanti da quasi otto anni la loro passione e il loro sogno comune che sono riusciti grazie al loro talento, alla forza e al coraggio di intraprendere una strada non ancora asfaltata, a trasformarlo in un lavoro.

Com'è lavorare a sei mani?

“E’ una sorta di "power up" all'artista "SOOL". Ognuno dei tre mette del proprio per creare qualcosa di nuovo che altrimenti, da soli, non ci sarebbe, ma nel fare questo, ognuno di noi, impara qualcosa di nuovo e tiene l'immaginazione allenata. E’ un po’ come cantavano i Pink Floyd " United we stand, divided we fall!", un concetto che potrebbe e dovrebbe essere applicato in vari campi della vita, in fondo siamo tutti ingranaggi dello stesso meccanismo”.

Come nascono i vostri progetti?

“Dipende da progetto a progetto sinceramente! Ogni progetto ha una sua avventura, è come un nuovo episodio di un cartone animato, o di una serie tv.. ma senza copione! Diciamo quindi che nascono dai più svariati fronti , Insomma sul galeone SOOL non ci si annoia mai, cambiare di continuo progetto su cui lavorare mantiene la testa sveglia, speriamo stia funzionando anche con noi!”

 

Dai graffiti ad oggi com'è cambiata la vostra arte?

“Noi siamo della Val Camonica, quindi quando sentiamo la parola "Graffiti" pensiamo principalmente alle incisioni rupestri, e diciamo che dal Paleolitico in poi di cose ne sono cambiate! La nostra arte credo cambi in continuazione, se guardiamo quello che facevamo nel 2010 rispetto a quello che facciamo ora, sono cambiate tante cose, lo vedi subito dai personaggi, se guardi bene, sono decisamente diversi, anche il tratto è cambiato, ma abbiamo sempre mantenuto quel tocco che ci ha mantenuti noi. Infatti quest'anno, per Wall in Art, manifestazione che si occupa di proporre nuova arte sul territorio Camuno, curata da Ozmo e Simona Nava, abbiamo realizzato un muro di circa 30m X 8m chiamandolo "EvOOlution", un omaggio nel nostro stile proprio sull'evoluzione dei graffiti”.

 

Come la definireste?

"Come un continuo viaggio mistico in evoluzione costante, una crescita, come ogni cosa nella vita. E se ci penso bene, un mezzo di trasporto, da una situazione all'altra, di continuo. "L'arte ti eleva dalla mediocrità, di porta in posti che non potresti finirci se non fossi un artista, di qualsiasi genere" parole del grande Mario Leuci che ancora oggi mi rieccheggiano nella mente. L'arte della SOOL è un viaggio malato creato da menti contorte in una nebbia di stile da cui, se ti inoltri, non ne esci più. O comunque ne esci un po’ sballato!”

 

Quando avete conosciuto Dolly Noire?

“Tutto è partito perchè, il buon Michael Pain Chini, amico e compagno di barca su un altra avventura artistica, una sera è arrivato in riunione dicendo di aver visto in tv dei "gnari" che facevano "cose" un po’ strampalate, un po’ come noi. Allora mi sono subito informato su chi fossero e cosa facessero, e siamo rimasti tutti e tre felicemente sorpresi quando Gioele e tutto il team di Dolly Noire ci ha risposto alla nostra mail, dicendoci che avrebbero voluto conoscerci volentieri e scambiare qualche chiacchiera insieme, da li in poi (era la collezione Japan) è cominciata la nostra collaborazione e amicizia coi ragazzi di Dolly”.

 

In che modo riuscite a conciliare le vostre idee con i temi delle collezioni di Dolly?

"Prima di tutto cerchiamo di capire chi di noi tre è il più adatto a realizzare una determinata cosa, per esempio, con Eracle e il leone, per la collezione Mithos, i due personaggi erano una figura umana, che di solito disegna Clod e un animale, che di solito fa Mark, e quindi ci siamo divisi cosi la missione, invece per  La Selva oscura, nella collezione divina commedia, Nick ha dato proprio il massimo nello studio di tutto il background, che è la maggior parte della grafica. Dal momento che di solito lavoriamo senza tema, quando ce ne danno uno, per noi è una sorte di ispirazione nuova , che magari non avremmo nemmeno mai pensato, e se non abbiamo troppe limitazioni e possiamo sbizzarrirci, sicuramente usciranno delle cose veramente uniche e particolari”.

 

Sarete all'Amazing Day anche quest'anno?

“Si, ormai è un po’ di anni che il buon Wany, chi invita alla sua super jam.Proprio in questi giorni stiamo cercando di capire che combinare sul muro insieme agli altri artisti”.

 

A quale opera siete più legati? 

“Nick: Per quanto riguarda i lavori che ho fatto per Dolly Noire, direi senza dubbio, La Selva Oscura, mi è proprio piaciuto lavorare ispirandomi a un grande come Dorè  usando i rapidi e i tratto pen per ricreare l'effetto dei suoi lavori. Probabilmente perchè mi piace di continuo sperimentare tecniche nuove, mentre per quanto riguarda la SOOL, sono proprio soddisfatto della murata che abbiamo fatto di recente a Roncadelle alla Yellojam per i ragazzi della YellowFat e 639. Grandi Raga.

Mark: La mia opera preferita fatta con Dolly, è.... la prossima, che vedrete più avanti, mentre con la SOOL, direi la collaborazione con Armada Art Jewels, a parte che come persone Gianmarco e Cese sono dei grandi, ma come coppia che fa muovere Armada, eccezionali! O anche il bicchiere con Warsteiner mi è piaciuta particolarmente.

Clod: Io sono fan dei pirati, quindi la prima nostra grafica per Dolly, "Brotherhood", mi gasa forte, appunto una sorta di fratellanza di contratto non scritto, da vecchi lupi di mare quali siamo inoltre, sigla il vero inizio dell'avventura con loro, mi piace tutt'ora a distanza di anni! Per la SOOL invece, lavorare con i ragazzi di Clipper è un altro piacere e vedere le proprie grafiche sull'accendino che tutti collezionano da sempre riempie proprio il cuore. Comunque non credo ci sia una vera e propria opera da sottolineare, almeno per ora, finche siam vivi continueremo a sfornarle e quindi, la vera risposta non la daremo mai noi”.

 

Cosa significa per voi Stay Brave?

“Mark: Per me significa continuare ad avere il coraggio di credere in se stessi e alla propria visione, il destino ha molta più fantasia di noi.

Clod: A me viene subito in mente Daniele di Dolly che ce lo dice un sacco di volte, per il resto poi, sono d'accordo, significa continuare a crederci, portare avanti le proprie passioni, idee e ispirazioni, perchè a volte non c'è nessuno davanti a te che ti indica la strada di quello che vuoi fare e spesso fa paura, ma se ci pensi, forse vuol dire che sei il primo a fare quella cosa, quindi "Stay brave"!

Nick: Per me invece è ogni inizio di un nuovo progetto, ogni volta è come buttarsi in una nuova giungla sconosciuta, che può intimorire, cosi come nascondere tesori sconosciuti  che puoi arrivare a scoprire solo avendo il coraggio. Diciamo che inconsciamente è il motto di tanti avventurieri disposti a rinunciare a tutto pur di seguire se stessi”. 

 

Art of Sool Dolly Noire graffiti Street Art

← Post meno recenti Post più recenti →



Lascia un commento

Nota: i commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati

Mag

RSS
Tags
2018 2019 333 mob 3D Achille Lauro acqua adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bexey bikila BMX boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr doll Dolly Dolly Noire dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion federica abbate Federico Ferrero Federico Resega festival fiera film FIS formula1 fotografia fra design Francesco Muratori francia freestyle froz Future Ghali Giacomo Bertagnolli Gianluca Cavaiola Giappone Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi ivan bilibin Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit King of Concrete Kipchoge kite kitesurf L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records machete mixtape 4 madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela marco primavera Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo mosca motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi onemic Oro Outfit OVRTM Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist plug-mi pop Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Re del Cemento Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi roberto graziano moro Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush russia Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty siberia Siziano skate Skate Park Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone thegiornalisti Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy YouTube youtuber Zanardi