Mure, commesso Dolly Noire tra writing e sneakers

Postato da il

Se entrando nello store di Dolly incontri Mure, puoi considerarti fortunato. Mure è una di quelle persone con cui è piacevole chiacchierare, passare un po' di tempo,una persona ricca di aneddoti, esperienze ed interessi e con profonde radici street che lo legano a tante realtà diverse. Tra le sue passioni più grandi ci sono le sneakers, di cui è collezionista,  e l'hip hop, in particolare il writing. Ecco, se lo beccate in negozio, fatevi un grosso favore, parlate con lui di writing. Vedrete i suoi occhi illuminarsi.

"È stato la mia vita"ci racconta. "Io sono un writer. Prima di essere uno sneakerhead, prima di essere un commesso di Dolly, addirittura prima di essere sposato. Io son sposato, felice, e quella è la mia vita vera. Ma il dipingere è una cosa che mi ha sempre tenuto attivo. Mi ha salvato da mille situazioni, perchè i miei coetanei erano bacati degli acidi, dicevano "Andiamo a ballare, mi prendo un cartone". Io no, volevo stare lucido, perchè dopo volevo andare a dipingere. Ha calmato la mia follia e l'ha canalizzata nell'egocentrismo di vedere il mio nome ovunque a Milano. Il writer è più egocentrico anche del rapper, ma in modo più strano, perchè nessuno deve vederlo in faccia. Quest'arte mi ha salvato, mi ha anche fatto trovare un lavoro in Dolly!"

Oggi come lo trovi?

"Oggi è frammentato, una volta era più unito. Io andavo ad esempio ad ascoltare i miei amici che rappavano e quando finivano andavo a farmi un treno. Si andava a fare la Jam a Bologna e, cosa fai, sei a Bologna e non dipingi? Adesso vedo molti ragazzi giovanissimi che si avvicinano e molti che non ne vogliono sapere. Dolly in questo è stata brava, perchè tanti dei nostri grafici sono writer, nel senso gente che ha dipinto in strada, che ha sudato freddo quando ha sentito una ricetrasmittente o una macchina arrivare. Perchè il writing da cartellone pubblicitario o da poster gigante è un'altra roba, non è roba mia."

Come si lega tutto questo al tuo rapporto con Dolly Noire?

"Il rapporto con Dolly Noire nasce grazie ai graffiti. Ero andato a fare un festival dove Dolly vendeva i propri prodotti. Un mio amico doveva dipingere a questo evento, che era a Viareggio, in spiaggia. Io ero andato a dare una mano, perchè era una parete molto grande. Ad un certo punto, per cazzeggiare, incominciai ad aiutare Chicco, ragazzo di Dolly, a vendere i prodotti. Grazie alla mia spigliatezza, alla mia presa bene, feci il mio, e Chicco lo disse a chi di dovere. Da lì partì un rapporto, mi fecero fare un altro paio di fiere, poi lo store piccolo ed il salto nello store grande." 

Forse il più bel colloquio di lavoro immaginabile, buttarsi in mezzo, a capofitto...

"Si si, io enrtro sempre "a testa alta e pugni chiusi", do tutto me stesso. Con tutti i pro e i contro. Perchè a volte c'è chi dice "Ok, bella li!", altre chi invece dice "Calma, aspetta un attimo."

Hai un attitudine street molto forte, e trascorsi in tutto l'ambiente Hip Hop. Cosa hai trovato in Dolly Noire che ti rappresenta?

"La serenità, e quella roba di provarci sempre, di dire "Ok, si fa, proviamo, bella li!". Detta come lo direbbero i napoletani, la cazzimma. Detta come lo direbbe Dolly, lo "Stay Brave". O come lo direi io..."A testa alta e pugni chiusi!"

Tu hai moltissimi interessi, uno su tutti le sneakers. Quando e in che modo nasce questa passione? 

"Nasce da quando Federico, un mio compagno delle elementari, poteva permettersi tutte le scarpe che voleva e io solo le Kronos. Anche questa è una rivalsa. Io appena ho potuto, ho studiato (perchè anche in queste cose, come in tutte, ci vuole studio) e ho iniziato ad entrare in questo mondo qui. Ho cominciato a capire perchè quella scarpa era fatta in quel determinato modo, perchè l'Air era sul tallone e non sulla punta, perchè a Jordan hanno dedicato cento scarpe e a Magic Johnson solo un paio. Ho cominciato ad informarmi, poi è diventata una droga."

Cos'è che ti continua ad affascinare di questo ambiente?

"La continua evoluzione delle cose. Io non sono uno di quelli che si va a comprare l'Off-White, economicamente parlando non potrei mai permettermi un capo Off-White. Perchè dovrei prendermi una scarpa del genere? non la capisco come concetto. Oddio, capisco perchè Nike faccia la collaborazione con Off-White, ovviamente. Però non mi piace quella roba li, la lascio ai modaioli, ai fashion victim, io sono street."

C'è un modello a cui sei più legato?

"Le Air Max 93, perchè fu una delle primissime scarpe che, quando uscì, ero abbastanza grande per scegliere i miei vestiti e per volerla. Fu la prima scarpa che mi fece dire "voglio quella scarpa li". E non sono mai riuscito a prenderla fino a quest'anno, quando l'hanno rifatta. Oggi dicono "Eh, ma non ha un gran valore...". Per me ha un valore inestimabile."

E la scarpa che hai vissuto di più?

"È una scarpa di cui ne ho avute sei paia e che non ha mai avuto hipe, ma io sto aspettando con ansia che torni. È la Nike Terra, una Nike da trekking che mi sa che avevamo solo io e altri due." 

Tu fai parte, a modo tuo, da tanto tempo dell'ambiente Hip Hop. Come lo trovi oggi in Italia?

"L'hip hop non è morto, però non sta da Dio. Nell'ultima settimana mi sono ascoltato due dischi che secondo me gli hanno dato una botta di vitalità, che sono MezzoSangue e Vegas Jones. MezzoSangue ha fatto un disco proprio vecchia scuola, molto cupo, che a me piace perchè quella roba li mi è sempre piaciuta. Vegas invece ha fatto un disco di rap moderno. Non è trap, è proprio rap moderno. Spero che tutti seguiranno quella roba li. Lazza aveva fatto un disco del genere, anche Nitro. Spero che sia quello il canale per il benessere...dei miei figli. Ci sono un sacco di artisti buoni che stanno uscendo. Speriamo che non impazziscano." 

Per concludere, riesci a dirmi tre ragioni per cui vale la pena lavorare oggi in Dolly?

"Beh, è figo. Lavori in un ambiente giovane (io sono il più vecchio in Dolly). Ti puoi confrontare sempre e tutti possono imparare da tutti. Io posso imparare tanto da Sibilla, Sibilla da me, io da Ale, Ale da Nico, Nico da Nic...questa cosa è molto bella. Poi se vieni a lavorare in Dolly, hai Mure come collega. Cazzo che hit!"

Dlynr Dolly Noire sneakers store Street Art streetwear writing

← Post meno recenti Post più recenti →



Lascia un commento

Nota: i commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati

Mag

RSS
Tags
2018 2019 333 mob 3D Achille Lauro acqua adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bexey bikila BMX boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash Cyberpunkers da move crew damiano mari damned Dani Faiv Danti davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr doll Dolly Dolly Noire Dolly Noire Dolly Noire Run dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Elysium Emis Killa Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion federica abbate Federico Ferrero Federico Resega festival fiera Filippo Bano film FIS football formula1 fotografia fra design Francesco Muratori francia freestyle froz Future Gamindo gaming Ghali Giacomo Bertagnolli Gianluca Cavaiola Gianni Bismark Giappone glitched years Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi ivan bilibin Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit King of Concrete Kipchoge kite kitesurf L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records machete mixtape 4 madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela marco aletti marco primavera Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Max Brigante Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo mosca motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nati Diversi Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio New York NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi One Fingerz onemic Oro Outfit OVRTM Palmitessa Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist plug-mi Podcast pop Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Re del Cemento Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi roberto graziano moro Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush russia Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty siberia Siziano skate Skate Park Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone thegiornalisti TikTok Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Willie Peyote Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy young miles YouTube youtuber Zanardi
Liquid error: Could not find asset snippets/booster-message.liquid