Roberto Graziano Moro: storie dietro un obiettivo

Postato da il

Dalla Machete al progetto in Uganda, intervista al giovane fotografo autore di alcuni degli scatti più interessanti degli ultimi tempi

La fotografia è indubbiamente una delle forme d'arte più affascinanti che esistano. Sin dalla sua nascita, è stata accolta con un misto di stupore, fascinazione e terrore, dovute all'impressione che questa nuova tecnologia avesse letteralmente la capacità di immortalare un momento, quasi rubandone l'essenza; rendendolo eterno e al tempo stesso rimuovendolo dal corso incessante del tempo. Con l'evolversi degli strumenti a disposizione, i limiti stessi della fotografia si sono ampliati a dismisura, ma l'effetto magico che riesce ad avere sullo spettatore, quello non si è mai estinto. Il solo pensiero di poter raccontare una storia – dalla più banale alla più mitologica – tramite una “semplice” istantanea è più vivo che mai, soprattutto oggi, nell'era della condivisione istantanea, che ha reso la comunicazione visuale il medium per eccellenza. Luci ed ombre, poesia e tecnologia, magia e narrativa: questi e molti altri elementi si incastonano nella pellicola – o nel digitale, se non siete dei nostalgici -, ma l'elemento più importante resta sempre e comunque lo sguardo dietro l'obiettivo.

Quello di Roberto Graziano Moro è uno sguardo che nasce esattamente trent'anni fa, nel 1989, a Timsoara, e percorre un sacco di chilometri per finire poi a crescere a Vicenza, circondato da una vita di periferia che tende a temprare chi ha l'indole forte, ma che rischia di spezzare chi non ce l'ha. Roberto appartiene però alla prima categoria, e fin da giovane trova nell'arte una scappatoia alla provincia asfissiante. Inizia con la pittura, ma ben presto si rende conto che non è un percorso in grado di intrigarlo fino in fondo, e nel 2013 inizia a dedicarsi alla fotografia, in maniera completamente autodidatta. Di base a Milano ma con all'attivo lavori e collaborazioni in tutto il mondo, l'ho raggiunto per scoprire qualcosa della persona che si cela dietro il famigerato obiettivo, sia a livello artistico che personale. “Amo scattare interagendo molto con la luce, perchè come nella pittura ti può dare quell'elemento in più su cui lavorare”. Non rinnega le proprie origini artistiche, che al contrario si sono riversate nel suo nuovo percorso, rendendo la sua fotografia vivida, robusta, dal fascino disarmante che cela però una profondità notevole. “Il mio lavoro si propone di raccontare storie” mi dice, “storie che sono lo specchio di una realtà attuale, e che spesso presentano elementi che richiamano la vita di strada”.

In relativamente poco tempo – all'atto pratico, sono “solo” sei anni che si dedica alla fotografia -, è riuscito a dar vita ad un portfolio di tutto rispetto, collaborando sia con diverse realtà legate allo streetwear – tra cui, per l'appunto, Dolly Noire -, sia con moltissime realtà musicali – in primis, il collettivo Machete e tutti gli artisti che ne fanno parte. Nonostante la notevole differenza dell'uso che questi ambienti fanno della fotografia, Roberto ritiene che l'approccio alla base sia sempre lo stesso. “Credo che a cambiare non sia l'approccio tra un tipo di ambiente e l'altro” mi confessa, “sta tutto nell'approccio che ha il fotografo nel realizzare il lavoro. Per me l'importante è scattare e portare a casa il miglior lavoro possibile”.

Tra i migliori lavori possibili portati a casa, figura sicuramente il reportage fotografico del viaggio in Uganda, che lo ha visto protagonista insieme a Daniele Crepaldi di Dolly Noire, Hell Raton e il team della AVSI Foundation. Oltre ad aver visitato le meraviglie naturali di un paese incredibile, sono entrati in contatto con alcune delle realtà più dure del continente – dai carceri minorili alle baraccopoli delle periferie -, raccontando queste storie anche e soprattutto attraverso il suo obiettivo. Mi dice che è dal 2017 che è aperto il progetto che lo lega all'Uganda, che l'ha portato a legarsi profondamente al paese, alla sua cultura, alla sua storia, al suo popolo. “Grazie anche al sostegno di Dolly Noire siamo riusciti a fare qualcosa di buono per diverse realtà, in un paese in cui anche un piccolissimo gesto può fare la differenza”: si riferisce alle AVSI Tee di Dolly Noire, il cui ricavato è stato devoluto completamente in beneficienza. Proprio un suo scatto è il protagonista della t-shirt benefica: “alcuni di quei bambini non avevano mai visto un uomo bianco, erano lì che mi toccavano, mi spingevano, giocavano come me” mi racconta, quando gli chiedo come è nato lo scatto, “seduto per terra in mezzo a loro ho finito per realizzare lo scatto che poi ha accompagnato l'iniziativa di charity”.

Una carriera ancora agli inizi eppure già ricca di momenti unici, contraddistinti da intraprendenza e coraggio. Cosa significa “Stay Brave” per Roberto Graziano Moro? “Avere il coraggio di osare e non perdere mai l'attitudine per raggiungere i propri obiettivi, non solo nel lavoro ma anche nella vita”.

Avsi Dolly Dolly Noire machete roberto graziano moro Stay Brave Uganda

← Post meno recenti Post più recenti →



Lascia un commento

Nota: i commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati

Mag

RSS
Tags
2018 2019 333 mob 3D Achille Lauro acqua adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bexey bikila BMX boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr doll Dolly Dolly Noire dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion federica abbate Federico Ferrero Federico Resega festival fiera film FIS formula1 fotografia fra design Francesco Muratori francia freestyle froz Future Ghali Giacomo Bertagnolli Gianluca Cavaiola Giappone Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi ivan bilibin Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit King of Concrete Kipchoge kite kitesurf L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records machete mixtape 4 madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela marco primavera Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo mosca motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi onemic Oro Outfit OVRTM Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist plug-mi pop Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Re del Cemento Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi roberto graziano moro Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush russia Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty siberia Siziano skate Skate Park Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone thegiornalisti Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy YouTube youtuber Zanardi