Shade e Dolly Noire, un rapporto di vecchia data che non va solo benissimo, ma alla grandissima!

Posted by on

Shade è uno degli artisti del momento, ma è anche una delle persone più gentili, disponibili e umili con cui abbiamo la fortuna di collaborare. Ci conosciamo dagli inizi della nostra avventura e dalla sua vittoria a Spit, era il 2013 quando le nostre strade si sono incrociate e da allora non si sono più separate. Entrambi siamo cresciuti, abbiamo raggiunto tanti piccoli, grandi traguardi, ma quella voglia di spaccare sempre di più e di fare sempre meglio che ci accomuna non si è mai spenta, così come non è andata mai scemando la stima e l'affetto reciproco che ci lega.

Il 2017 non è andato solo benissimo, ma alla grande, che bilancio ti sei fatto?

“Un bilancio positivo, incredibilmente, perché si è davvero ribaltato tutto.
Dopo l’estate 2016 ero svuotato, con tante idee ma privo di stimoli.
Ho trovato in Cris (il mio manager) una grande linfa vitale, questo mi ha permesso di trovare la forza di lottare video dopo video e singolo dopo singolo... ottenendo risultati che mai avrei immaginato!”

Quante battute e meme hai ricevuto su Bene, ma non benissimo?

“Un miliardo. E la cosa grave è che ne riceverò ancora e ancora!
Ma fa piacere. Lo sento dire ovunque, era già abbastanza virale ma dopo la canzone è diventato veramente di uso comune!”

Dopo 'Irraggiungibile' tornerai a fare un po' di freestyle?

“Io non ho mai smesso! Lo faccio sempre ai live, e faccio sempre video.
Ne faccio meno, per via degli impegni, ma facendone meno ho potuto alzare l’asticella della qualità sia della scrittura che dei video”.

Preferisci il ruolo da freestyler, rapper o doppiatore?

“Sono tre cose molto diverse, per quanto simili.
Come freestyler ci sono nato, è come respirare per me.
È facile. Naturale.
Il rapper è più prestigioso perché valorizza la scrittura e lascia nelle persone qualcosa di più del clamore iniziale che puoi avere per una rima da battaglia fatta in freestyle.
Col doppiaggio mi sto cimentando pian piano, ogni tanto becco qualche strigliata dai direttori.
Sono ancora all’inizio di questa salita, farò del mio meglio per migliorarmi!”

Secondo te perchè i migliori freestyler italiani sono di Torino?

“Sarà qualcosa nell’acqua! (Cit)
Penso sia dovuto alla mentalità e alle poche possibilità “commerciali” che Torino ha da offrire.
Non è una città come Milano o Roma, dove trovi radio etichette e brand importanti.
C’è solo il freestyle e chi spacca di più.
Senza nulla togliere alle altre piazze che comunque hanno sfornato un sacco di talenti, secondo me Torino spicca per questo”.

 

Com'è andata a Sanremo?

“Posso dire bene ma non benissimo?
È un ambiente molto caotico, interviste e foto ogni due passi.
Ero lì come inviato ma alla fine essendo artista ho vissuto il bagno di folla per le strade.
Ha indubbiamente un certo fascino!
Facevo interviste per spotify e ho avuto modo di confrontarmi con tanti nomi grandi della musica italiana.
Ho piacevolmente scoperto che Biagio Antonacci mi conosce e che i suoi figli mi ascoltano! Che idolo!”

E l'intervista delle Iene? Il terzo capezzolo c'è o no?

“Inizio a pensare che ci sia.
Maledette Iene, ci sono cascato come un babbo”.

Come e quando hai conosciuto Dolly Noire?

“Precisamente estate 2013, fresco di vittoria di Spit.
Erano appena nati ma vedevo in loro tanta convinzione e voglia di spaccare, la stessa che si vede negli occhi dei rapper”.

Quale pensi sia il punto di forza di Dolly Noire?

“Ti racconto una storia che secondo me rappresenta Dolly.
La prima volta che ho conosciuto Daniele è venuto di corsa a Torino per lasciarmi due cappellini e ritornare a Milano subito dopo rischiando di far tardi alla cena di anniversario con la fidanzata.
È stato a Torino per dieci minuti, solo per dare due cappellini a un cretino come me!
Questo è Dolly Noire.
Sta accanto agli artisti che segue, ti fa sentire speciale.
E io nel mio piccolo cerco di ricambiare”.

Cosa significa per te Stay Brave?

“Significa essere coraggiosi ma con cognizione di ciò che si sta facendo.
Rischiare fa bene, ma bisogna farlo con il cervello. Capitalizzando al meglio ciò che si sbaglia, perché è così che cresci.
Io vado molto d’accordo con i ragazzi di Dolly perché alla fine abbiamo la stessa mentalità e gli stessi obiettivi anche se in ambiti diversi, ma paralleli”.

Dlynr Dolly Noire freestyle rap Shade

← Older Post Newer Post →



Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published

Mag

RSS
Tags
2018 333 mob 3D Achille Lauro adidas Adrecalina Afrojack AHL akeem Albert Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba bologna Boss Doms brand Brasil Breakdance bunker studio Canadese Canoa Canoe Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charls Check Point Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo Crew cross Culture Clash da move crew damiano mari damned Dani Faiv davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr Dolly Dolly Noire Doppiaggio Dreca E-commerce eicma Ensi fabrizio smallone Federico Ferrero Federico Resega festival film FIS formula1 fotografia Francesco Muratori freestyle froz Ghali Giacomo Bertagnolli Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu Home Festival Human Safari Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi Jambo kanye west Kayak Kipchoge L'alba L'Altro Me Crew lettering Live Londra Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records madiba Mamma Fotogramma Mandela Markers Marnik Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Medaglie Michela Moioli Migos Milano Moko Mondiali Monociclo motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis movies Murales music Musica Mythos napoli Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment off-white OJ Olimpiadi Olipiadi Oro Outfit OVRTM Paralimpiadi Parkour Party Philipp Ploner Piumini Plant Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap Raptuz Red Bull Redslow Ricro Rio Rkomi Robot Rocky roma Rossella Esse rugby rush Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakerness sneakers Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport SS2019 Stay Brave store street Street Art streetwear surf Tattoo Tattoo art Tdk crew Torino Totti Trap Travel under 20 Vademecum Video Videomaker Videomaking Vipers viral virgil abloh Wany Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy YouTube youtuber Zanardi