"Tutti abbiamo iniziato da zero, c'è bisogno di sbagliare per migliorarsi": intervista a Marco Aletti, campione del football italiano

Postato da il

Abbiamo intervistato Marco Aletti, istituzione del football italiano, per scoprire qualcosa sulla sua carriera e sulla diffusione di questo sport nel nostro paese

Quello di Marco Aletti è un nome strettamente legato al movimento del football in Italia. Uno sport di matrice fortemente statunitense, che negli anni ha saputo ritagliarsi uno spazio nel cuore di molti appassionati lungo lo stivale. La storia di Marco e del suo amore per questa disciplina inizia all’alba del nuovo millennio: “da vent'anni gioco a football, per dieci ho militato nella nazionale italiana”, racconta, mentre cerchiamo di ripercorrere una carriera costellata di traguardi importanti, tanto a livello di nazionale quanto di club. “Ho giocato in due squadre varesine e in due milanesi, ma quella che è diventata la mia vera casa sono i Seamen Milano, con cui ho vinto 4 titoli italiani.” Una carriera e un palmares importanti, che però non rendono del tutto giustizia a Marco Aletti, che fuori dal campo è anche “padre di una ragazzina di 11 anni, mia infinita riserva d'energia”, e inoltre nella vita di tutti i giorni è un infermiere specializzato, responsabile della formazione per un'azienda sanitaria.

“Mio padre era un giocatore e sin da piccolo quindi ho voluto cimentarmi in questo sport”, racconta, spiegando inequivocabilmente che l’amore per il football è iscritto nel DNA di famiglia. Inizia prestissimo, nel settembre del ’99, e da lì non si ferma più. Il percorso però non è stato una passeggiata, anzi, non sono mancati gli ostacoli e le difficoltà. “Abitando nella periferia varesina, per andare ad allenamento dovevo prendere due autobus. Per fortuna al ritorno avevo un passaggio, altrimenti avrei dovuto aspettare la maggiore età per potermi allenare.” Una serie di circostanze fortuite gli permettono quindi di continuare sul suo percorso, che a livello fisico parte da una condizione piuttosto complicata: “a 14 anni, quando ho iniziato, pesavo 67 kg e i miei allenatori, per quanto bravi, non erano esperti dello sviluppo del fisico in età adolescenziale”.

Proprio l’adolescenza, secondo lui, è una fase cruciale per poter imparare a conoscere e apprezzare questo sport: “credo sia la fase più importante per poter vivere e imparare dal football sia, perchè ormoni e stress posso essere canalizzati in uno sport che viene chiamato, giustamente, lo sport di squadra per eccellenza”. C’è quindi la necessità di portare avanti una campagna di sensibilizzazione che parta dal basso, da quando gli atleti in erba sono giovani e pronti a recepire tutti i valori dello sport. “È importante continuare a investire tempo e magari soldi nelle scuole, e dare visibilità anche ai piccoli futuri campioni, in un’ottica di squadra prima che di elogio al singolo, anche se talentuoso.”

“Grazie all’assiduo lavoro di molti, tra cui Luca Cova e Cristian Bianchi”, continua Marco, “il football ha iniziato a farsi spazio all’interno di molte scuole, arrivando a tantissimi ragazzi”. C’è però da sfatare il mito che sia uno sport violento, credenza diffusa che spesso rischia di tenere lontani i possibili appassionati. “I genitori sono i primi a dover essere persuasi che non si tratta di uno sport pericoloso, per quanto sia di collisione”, aggiunge, spiegando però che la soluzione esiste, e nel suo caso l’ha visto combinare l’aspetto ludico con quello educativo. “Un progetto che mi ha entusiasmato è stato quello di dare la possibilità ai ragazzi di trovarsi un'ora prima degli allenamenti, per poter fare compiti e studiare insieme.”

Se la diffusione in ambito scolastico e grazie al web – “la rete dà molta visibilità al nostro sport, sicuramente spettacolare, e questo negli anni ci ha messo più in luce” – ha aiutato il football a diventare uno sport a tutti gli effetti, su scala nazionale, anche in Italia, ci sono ancora aspetti sui quali bisogna lavorare. “Il tempo che le squadre possono investire per gli allenamenti è molto poco. Quattro ore alla settimana, le più organizzate sei”, osserva, non con una punta di amarezza. Nonostante tutto però, nonostante l’importanza della tattica, del lavoro fisico, della sensibilizzazione, il consiglio più importante che Marco si sente di dare a chiunque voglia iniziare è uno solo: “tutti abbiamo iniziato da zero, la maggior parte dei movimenti che facciamo non sono naturali e quindi c'è bisogno di sbagliare, sbagliare ancora e migliorarsi! Non c'è obiettivo irraggiungibile per un gruppo coeso, quindi la cosa più importante rimane fare squadra”.

Competitività e spirito di squadra sono quindi sinonimi non solo della carriera di Marco Aletti, ma del football in generale. Uno sport duro, fisico, faticoso; ma anche una palestra di vita, una scuola di disciplina e valori applicabili in tutti gli ambiti, dentro e fuori dal campo. Sono stati proprio questi valori e questi principi a permettere al campione italiano di dar vita ad una carriera così longeva e vincente. Provare per credere, quindi!

Dlynr Dolly Noire football marco aletti

← Post meno recenti Post più recenti →



Lascia un commento

Nota: i commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati

Mag

RSS
Tags
2018 2019 333 mob 3D Achille Lauro acqua adidas Adrecalina africa afrobeat Afrojack afrotrap AHL akeem Albert albino Alps Hockey League Ambassador Amedeo d Amsterdam Andrea Bassi Anni 90 Antonio Bravo argentina Ariete Art Art of Sool Artwork Atipici ATPC Attitude Roma Avsi Away Axos Banana Moon Bandits Crew Barcellona battle of the year Beba Beccaria bexey bikila BMX boing bol bologna Boss Doms boulmerka brand Brasil bread & butter Breakdance bunker studio calcio Canadese Canoa Canoe capitan tsubasa capsule collection Carcere Carl Brave x Franco 126 Catalunya Charlie Charles Charlie Charls Check Point Cinema clash Clementino Clipper club Club Dogo Come costruire un profilo complex ComplexCon Crew cross cucina Culture Clash Cyberpunkers da move crew damiano mari damned Dani Faiv Danti davide pagliardini Design Design Week diablo Dj Dj Dropsy Dj Jewell Dj Kosmi dj slait Dlynr doll Dolly Dolly Noire Dolly Noire Dolly Noire Run dolly noire japan Doppiaggio Drake Dreca E-commerce efrati eicma elisa caffont Elysium Emis Killa Ensi era tutto un sogno esposizione Fabri Fibra fabrizio smallone Fashion federica abbate Federico Ferrero Federico Resega festival fiera Filippo Bano film FIS football formula1 fotografia fra design Francesco Muratori francia freestyle froz Future Gamindo gaming Ghali Giacomo Bertagnolli Gianluca Cavaiola Gianni Bismark Giappone glitched years Gogo Records Goldentrash graffiti Guè Pequeno Guida Halloween Harry Potter Hashtag Hell Raton hellheaven11 Hellmuzik Hip Hop hiphop Hockey Hockey Milano Rossoblu holly e Benji Home Festival Human Safari hypefest Ibrahimovic inferno inghilterra Instagram intervista Invictus Isidoro Italia Ivaldi ivan bilibin Jack the Smoker Jambo japan jeffery jewell Kaepernick kanye west Kayak kick it Kickit King of Concrete Kipchoge kite kitesurf L'alba L'Altro Me Crew lavoro lettering Live Londra Longboard Loop Colors Lush & Simons Machete Machete Crew machete empire records machete mixtape 4 madiba magazzini generali Mamma Fotogramma Mandela marco aletti marco primavera Mark Lenders Markers Marnik Marracash masa Mask Massimo Sirelli Matteo Iachino Max Brigante Medaglie mhd mic tyson mic tyson the division 2 Michela Moioli Migos Milano Moko Moko Lab Mondiali Monociclo mosca motard moto moto 3 moto gp moto.it moto2 moto3 Motociclismo Motocross Motus Temporis Movie movies Murales music Musica Mythos napoli Nas Nati Diversi Nayt Nazionale NBA nerone Neve new collectio New York NFL Nicola Liviero nightlife nike Nitro No Comment Obey off-white OJ Olimpiadi Olipiadi One Fingerz onemic Oro Outfit OVRTM Palmitessa Paralimpiadi Parkour Party passione Pharrell Philipp Ploner Piumini Plant Playlist plug-mi Podcast pop Pour L'Amour Producer Profilo Raba Radio Radio 105 Radio Deejay Raduno Nazionale Ambassador rap raptus vol 3 Raptuz Re del Cemento Red Bull Redko Redslow ricette Ricro Rio Rkomi roberto graziano moro Robot rock steady Rocky roma Rossella Esse rugby rush russia Sagrada Familia Sailors Tattoo Salmo samuel pescuma schecketer Sci scozia Sfera Ebbasta Shablo Shade Shark Tank Shoes Shorty siberia Siziano skate Skate Park Ski Slait Slalom smake smash smashing wednesday sneakercon sneakerhead sneakerness sneakers Snoop Dogg Snow Snow Week Snowboard Social Media Sotto18 Festival Space Valley Spazio Tempo spaziotempo Spercross Spider Man sport ss19 SS2019 Stay Brave store street Street Art street superior streetculture streetwear style surf Tattoo Tattoo art Tdk crew terrone thegiornalisti TikTok Torino Toto Totti Trap Travel Travis Scott Tsubasa twitch Uganda under 20 urban v Vademecum vendetta Video Videomaker Videomaking Vintage Vipers viral virgil abloh Wany weah Willie Peyote Windsurf winter World Champion world championship World Cup World Rookie Tour writer writing wrtiter yeezy young miles YouTube youtuber Zanardi
Liquid error: Could not find asset snippets/booster-message.liquid